Russia, cade un aereo: morte tutte le 62 persone a bordo|

Il momento dello schianto

Le impressionanti immagini della caduta del Boing 737 della FlyDubai a Rostov. Tutti morti i passeggeri a bordo

Articoli correlati

Rostov – È costata la vita a 62 persone lo schianto di un Boeing 737 della FlySDubai, in volo da Dubai verso Rostov sul Don, in Russia: a bordo c’erano 55 passeggeri (tra cui 4 bambini) più 7 persone di equipaggio. Sono tutte morte nell’impatto del velivolo che si è schiantato a terra alle 03:40 ora locale (quando in Italia era l’1:40 di notte).

Il Boeing non ha centrato la pista quando tentava per la seconda volta di atterrare, ostacolato probabilmente dalla scarsa visibilità causata da una densa nebbia, la pioggia incessante e il vento impetuoso, secondo i meteorologi una vera e propria tempesta.

L’aereo ha tentato di atterrare una prima volta intorno all’1:30 ora locale e poi è stato oltre due ore in volo prima di iniziare una seconda manovra per arrivare a terra. In questo secondo atterraggio, l’aereo, come testimoniato dalle immagini captate, è precipitato a terra, e c’è stata subito una violenta esplosione.

|Rostov, aereo si schianta al suolo: le immagini della tragedia|

La nazionalità dei passeggeri a bordo

44 russi, otto ucraini, due indiani e un uzbeko tra i 55 passeggeri del Boeing della FlyDubai schiantatosi nella notte all’aeroporto di Rostov sul Don, in Russia meridionale: lo riferisce la stessa compagnia aerea citata da Russia Today. Secondo la tv LifeNews, tra i sette membri dell’equipaggio c’erano invece due cittadini spagnoli, un cipriota (il comandante), un colombiano, un kirghiso, un russo e un cittadino delle Seychelles.

La traiettoria impazzita del Boing:

Recuperata la scatola nera

È stata recuperata una delle due scatole nere del Boeing schiantatosi nella notte all’aeroporto russo di Rostov sul Don: lo conferma il portavoce del Comitato investigativo russo, Vladimir Markin, precisando che si tratta del registratore delle voci in cabina di pilotaggio. «Gli investigatori e gli esperti – fa sapere Markin – stanno valutando le sue condizioni. Le ricerche dell’altro registratore sono in corso».

Le ipotesi sul perché dello schianto

Un errore del pilota in condizioni meteorologiche avverse o un guasto tecnico, sono queste le due possibili cause della sciagura aerea all’aeroporto di Rostov sul Don che gli investigatori russi stanno valutando: lo fa sapere la portavoce dell’ufficio meridionale del Comitato investigativo russo, Oksana Kovrizhnaia, citata da Sputnik. «Stiamo considerando al momento due ragioni principali per lo schianto a Rostov sul Don, un errore del pilota dovuto alle condizioni meteo in peggioramento o un guasto tecnico», ha detto.

Raffiche di vento e maltempo

C’erano raffiche di vento di 25/30 metri al secondo quando il Boeing della FlyDubai si è schiantato all’aeroporto russo di Rostov sul Don uccidendo tutte le 62 persone a bordo: lo riporta Russia Today, secondo cui l’aereo era arrivato a Rostov da Dubai già all’1.30 di notte, ma a causa delle avverse condizioni meteorologiche ha abortito il primo tentativo di toccare terra e ha atteso in aria per circa due ore prima di tentare nuovamente di atterrare, senza successo.

Le prime informazioni

Il volo «aveva 55 passeggeri a bordo. Tutti sono morti», ha dichiarato alla Tass un portavoce del ministero regionale delle Emergenze. L’aeroporto – aggiunge l’agenzia russa – è stato chiuso e le squadre d’emergenza stanno operando sul posto, dove hanno già domato le fiamme in seguito all’incidente.

© Riproduzione riservata

DAL WEB: